AMARTYA SEN

Amartya Kumar Sen  è un economista e filosofo indiano, Premio Nobel per l'economia nel 1998, professore  presso la Harvard University.

Ha definito l'Euro "un'idea orribile" (vedi articolo), salvo poi, su sollecitazione di Mario Monti, chiarire ,insieme a Stigliz (vedi articolo Ansa integrale: http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2014/04/14/nobel-sen-e-stiglitz-serve-piu-europa-economica-e-politica_e4ad60bd-a203-4963-9d1b-493212aee97d.html): "Siamo molto turbati - osservano i due premi Nobel - dall'apprendere che in alcune prese di posizione politiche, in Francia e in Europa, le nostre analisi sul funzionamento dell'euro sono state travisate. Noi siamo decisamente in favore di un'Europa più unita e di una maggiore integrazione politica."L'unione monetaria - proseguono Sen e Stglitz - deve procedere di pari passo con l'unione di bilancio e l'unione bancaria e auspichiamo che questo si realizzi nei tempi previsti".

Per i due premi Nobel, la realizzazione della moneta unica senza integrazione bancaria e di bilancio e la prospettiva di un'integrazione politica "è stato un errore economico". Ma ciò detto, i due economisti restano "fortemente pro-europeisti piuttosto che anti-europeisti e auspichiamo che si arrivi a molto di più che una semplice unione monetaria".

"Il denaro non fa la felicità? Invece sì"

pubblicato da: il giornale.it 19/01/2013

Amartya Sen, economista liberal indiano: "Attenzione: l'austerity rende l'Europa più povera, quindi meno libera

Indiano d'origine «prestato» ad Harvard, Amartya Sen, 79 anni, Nobel per l'Economia nel '98, è una delle massime teste pensanti di oggi. Guru liberal, esemplare di filosofo-economista, ostile alle concezioni monodimensionali dell'uomo, in opere come Lo sviluppo è libertà ha rivoluzionato l'etica con una teoria sulle capacità che mischia Aristotele, Adam Smith e la teoria dei giochi.

Al «Festival delle Scienze» di Roma ha parlato di «Felicità e diseguaglianze». Ma non ha lesinato scudisciate al vangelo europeo dell'austerity. Criticando anche la nostrana sinistra: non pervenuta. Per Sen viviamo tempi tristi perché abbiamo soffocato il nostro bene maggiore: la libertà.
Professor Sen, che cos'è la felicità?

Leggi tutto: "Il denaro non fa la felicità? Invece sì"

Amartya Sen: "Che orribile idea l'euro"

intervista di Danilo Taino, da il Corriere della Sera, 21 maggio 2013

Amartya Sen apre una porta attraverso la quale probabilmente passeranno in molti. Dice che «l'euro è stato un'idea orribile». Non che la moneta unica ora vada disfatta. Ma è stata «un errore» che ha prodotto conseguenze negative per l'Europa e ha spinto ad altri errori: tra questi il peggiore è l'imposizione ai Paesi più deboli delle politiche di austerità. Sen è un economista di origine indiana, Premio Nobel, e filosofo. Insegna all'università americana di Harvard ma spesso anche a Oxford e Cambridge perché, dice, si sente europeo, «molto legato alla Gran Bretagna e all'Italia». In effetti, nel 1973 sposò in seconde nozze Eva Colorni, figlia di Eugenio Colorni, uno degli estensori del Manifesto europeista di Ventotene: con Altiero Spinelli (un altro dei tre autori del Manifesto) ebbe rapporti frequenti. Non parte insomma da pregiudizi anti-europei. In questa intervista - rilasciata ieri a Lucca, dove partecipava assieme a Salvatore Veca a una discussione su Educazione e Cittadinanza organizzata dalla Fondazione Campus - si dice però preoccupato della dinamica politica nella Ue.

Leggi tutto: Amartya Sen: "Che orribile idea l'euro"