JOSEPH STIGLITZ

Joseph Eugene Stiglitz è un economista e saggista statunitense. Premio Nobel per l'economia nel 2001.

La sua posizione sull'Euro è di aspra critica dell'attuale impianto, con un approccio tipicamente Keynesiano: bacchetta l'Europa sulle politiche di austerità e sul fatto che  un'Unione monetaria non possa stare in piedi senza procedere speditamente verso un'unione fiscale e bancaria.

Su sollecitazione di Mario Monti, ha chiarito, insieme all'altro Nobel Sen (vedi articolo Ansa integrale: http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2014/04/14/nobel-sen-e-stiglitz-serve-piu-europa-economica-e-politica_e4ad60bd-a203-4963-9d1b-493212aee97d.html): "Siamo molto turbati - osservano i due premi Nobel - dall'apprendere che in alcune prese di posizione politiche, in Francia e in Europa, le nostre analisi sul funzionamento dell'euro sono state travisate. Noi siamo decisamente in favore di un'Europa più unita e di una maggiore integrazione politica."L'unione monetaria - proseguono Sen e Stglitz - deve procedere di pari passo con l'unione di bilancio e l'unione bancaria e auspichiamo che questo si realizzi nei tempi previsti".

Per i due premi Nobel, la realizzazione della moneta unica senza integrazione bancaria e di bilancio e la prospettiva di un'integrazione politica "è stato un errore economico". Ma ciò detto, i due economisti restano "fortemente pro-europeisti piuttosto che anti-europeisti e auspichiamo che si arrivi a molto di più che una semplice unione monetaria".

Stiglitz sostiene pertanto che i mali dell'Europa si possano curare con: "più Europa"